PSD2: tutte le opportunità della nuova normativa per banche e clienti

Come molti operatori del mercato pagamenti ormai sanno, la PSD2 (Payment Service Directive 2) è la nuova direttiva sui pagamenti digitali eseguiti in ambito europeo che, a partire dal 13 gennaio 2018, sarà attiva in tutti i Paesi UE con l’obiettivo di favorire l’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici e di promuovere lo sviluppo di un mercato concorrenziale dei servizi di pagamento, basato su più elevati standard di innovazione, trasparenza e sicurezza.

La normativa europea interessa banche, Payment Service Provider (PSP) e Third Party Provider (TPP), e introduce diverse novità per l’erogazione dei servizi transazionali, tra cui nuove modalità di accesso ai conti – payment initiation e account information – e quello che viene considerato l’elemento di maggior impatto, la Strong Customer Authentication (SCA) and Secure Communication, che stabilisce nuovi requisiti di autenticazione per i clienti, nuovi standard comuni di comunicazione sicura e nuove regole per la cooperazione e lo scambio di informazioni. La PSD2 pone quindi le basi per la definizione di un nuovo contesto, ma anche di nuove figure attive nel mercato dei pagamenti, come gli AISP – prestatori di servizi di informazione sui costi – e i PISP – prestatori di servizi di disposizione degli ordini di pagamento –, unitamente a servizi aggiuntivi per la clientela.

La legislazione si adegua così all’evoluzione del mercato che, secondo recenti stime, nel 2018 vedrà crescere del 19% il numero di transazioni digitali rispetto al 2014, e che nel nostro Paese – per fare un esempio che ci riguarda da vicino – negli ultimi 5 anni ha fatto registrare un aumento del 91% degli acquisti online tramite carta.

PSD2 in azione: le prospettive secondo Antonio Rizzi, CA Technologies

Dei cambiamenti che verranno introdotti nel mercato Finance con l’attuazione della PSD2 abbiamo parlato con Antonio Rizzi, Senior Director Practice Services di CA Technologies. “Il mercato per i pagamenti e le transazioni digitali è in piena evoluzione, e le banche hanno oggi l’occasione di trasformarsi da sistema monolitico a piattaforma in grado di fornire agli utenti nuovi servizi a valore aggiunto, che impatteranno sulla User Experience modificandola profondamente. Dopo un primo momento in cui gli istituti bancari italiani hanno recepito la PSD2 come una normativa a cui era necessario adeguarsi – con il timore, peraltro, che comportasse una perdita di controllo sulle attività dei clienti –, negli ultimi tempi abbiamo registrato un cambiamento di prospettiva. La PSD2 inizia a essere considerata non più come un mero obbligo, ma come una vera e propria opportunità in termini di innovazione dei servizi e vantaggi che d’ora in avanti potranno essere garantiti ai clienti”.

Ca Technologies_PSD2 SolutionMa quali sono, in concreto, questi vantaggi? “La rivoluzione dei pagamenti digitali pone il consumatore al centro della transazione. Con l’introduzione della PSD2 i clienti avranno a disposizione banche più innovative e servizi maggiormente fruibili. Ovviamente è necessario scegliere soluzioni basate sui più elevati livelli di sicurezza in materia di controllo dei dati e delle procedure di autenticazione. È importante, inoltre, garantire a ciascun utente la massima trasparenza e la possibilità di determinare le modalità e i limiti di accesso alle informazioni personali”.

Banche, PSP e TPP potranno progressivamente formulare proposte ad hoc e personalizzate per ogni cliente, i rischi di frode e furto di identità saranno notevolmente ridotti e sarà possibile offrire modalità di pagamento da conto a conto attraverso dynamic link, senza necessità di appoggiarsi a un istituto bancario per portare a termine l’operazione. “Le partnership con le terze parti aprono alle banche un ampio ventaglio di opportunità, grazie alla creazione di sinergie innovative che permetteranno di precorrere i tempi e ‘fare’ innovazione” ha dichiarato Rizzi.

Per accelerare l’adozione dell’open banking, agevolare la ridefinizione delle architetture applicative, sostenere il rapido sviluppo di nuovi prodotti e servizi finanziari e offrire agli utenti transazioni moderne, sicure e facilmente fruibili, CA Technologies ha ideato la PSD2 Solution, già utilizzata con successo da diverse realtà finanziarie, compresa una grande banca italiana. Tra le funzionalità presenti nella soluzione troviamo la gestione, orchestrazione e protezione delle interazioni fra tutte le parti, un unico punto d’accesso per il controllo delle policy aziendali che gestiscono e proteggono le informazioni critiche esposte tramite API mobile-friendly, il supporto per la SCA, le one-time password, il risk score, la risk authentication, il rilevamento di eventuali comportamenti ricorrenti degli utenti, e molto altro. Ma non è tutto: “Per aiutare chiunque sia interessato a capire come possono cambiare i servizi finanziari nel prossimo futuro” ha concluso Rizzi “abbiamo creato e messo a disposizione una sandbox o ambiente demo che permette alle organizzazioni di accedere a uno scenario virtuale di PSD2, per far toccare con mano quella che sarà la User Experience del futuro”.