Intelligenza artificiale nella relazione con il cliente – CMI anno 7 n. 3

Speciale Intelligenza artificiale nella relazione con il cliente

Intelligenza artificiale e relazioni: maneggiare con cura – Gabriel Frasconi, Zendesk
L’intelligenza artificiale sta introducendo nella quotidianità di privati e aziende un livello di innovazione paragonabile, secondo alcuni, solo all’avvento dell’elettricità: attenzione però a non trascurare la componente umana delle relazioni.

Le domande dello speciale:

  1. Secondo quanto rilevato dall’Osservatorio Artificial Intelligence del Politecnico di Milano, in ambito intelligenza artificiale le aziende italiane sembrano essere poco propense alla sperimentazione. La vostra esperienza conferma questi dati? Quali sono i settori più attivi in materia di innovazione attraverso l’intelligenza artificiale?
  2. Messaggistica e interazioni vocali: quali sono i futuri trend di sviluppo dell’intelligenza artificiale nell’era del conversational commerce?
  3. Personalizzazione e insights approfonditi: a che livello di accuratezza è attualmente possibile arrivare grazie all’implementazione di soluzioni di intelligenza artificiale?
  4. Servizio al cliente rapido e continuo vs. contatto umano: come si preserva il lato emozionale della relazione senza rinunciare a efficienza e automazione?

Rispondono:

Luca Rossetti, CA Technologies
Mariella Borghi, Celi Language Technology
Sandro Parisi, Eudata
Giacomo Bosio, Hedron Srl
Andrea D’Anselmo, Interactions
Christian Orlandi, Intoowit Srl
Alessandra Girardo, Kubris-Kirey Group
Valentina Trevaini, LiveHelp
Saverio Ricchiuto, Nuance
Massimo Savazzi, Oracle Italia
Patrizio Bof, Pat Group
Rosa Maria Molteni, Spitch Italy Srl
Edoardo Vallebella, Stip
Marco Cioria, Your Voice

Gli abbonati (dal piano Standard in su) trovano la versione completa nell’area riservata.

Gli abbonati del piano Free ricevono il link direttamente con la newsletter CMI.

Entra a far parte della community CMI

COMMENTI